Clariste Soh Moube: «Se una donna si alza, altre mille la seguiranno»

di Geraldina Colotti

Fonte: il manifesto

«Per essere efficaci contro il capitalismo distruttore, bisogna federarsi, il Social Forum di Dakar è uno spazio d’incontro prezioso», dice al manifesto Clarisse Soh Moube. Clariste, camerounese di nascita e maliana d’adozione, è ricercatrice al Centro Hamadou Hampaté Ba e autrice del libro Le Piege, pubblicato a Bamako dalle le Editions Gouttes de sable con prefazione di Aminata Traoré. Clariste sarà anche una delle delegate africane alla Conferenza mondiale delle donne di base (www.conferenzamondialedonne@wordpress.com) che si svolgerà a Caracas nella settimana dell’8 marzo e che ha avuto un momento preparatorio a Dusseldorf, in Germania, dove l’abbiamo incontrata.

Quale sarà il vostro contributo a questo Social Forum?

Saremo un gruppo di 150 donne e 250 giovani con cui abbiamo lavorato per preparare gli incontri di Dakar. Il Centro Hamadou Hampaté Ba fa ricerca in alternativa allo sviluppo. Insegniamo alle donne a riflettere e a mettere in campo pensieri e pratiche alternative allo sviluppo neoliberista, distruttore e mortifero per la maggior parte dei giovani africani. Fulcro della ricerca è la consapevolezza delle donne, vero motore delle nostre società.

Forniamo loro gli strumenti e le informazioni perché individuino le cause e le conseguenze di quel che capita all’Africa e a loro stesse: perché il loro marito è senza lavoro, perché tocca a loro tappare tutte le falle senza avere la considerazione che meritano, perché nel corso degli anni i prezzi degli alimenti sono raddoppiati mentre le famiglie sono sempre più povere e prive di quelle risorse che ci vengono rapinate. Quel che accade in un villaggio in piccola scala è il riflesso di dinamiche mondiali più ampie e complesse, ma che hanno la stessa origine e i medesimi responsabili. Immaginiamo un’ Africa comunitaria e solidale che si metta in piedi e imponga dal basso un altro sistema sociale.

Lei fa anche parte dell’associazione Mille et une femme debout, Mille e una donna in piedi.

La nostra è un’associazione estesa a molte regioni dell’Africa e dell’Europa che ha come obiettivo l’autopromozione sociale delle donne meno favorite, che in ogni settore eleggono proprie rappresentanti e si autoorganizzano. Sono contadine, casalinghe, disoccupate.Un gruppo di noi si occupa della loro formazione in ogni settore, a partire da quello economico e politico. Il nome indica l’esempio che è capace di dare una donna: basta che una si alzi in piedi e la nostra azione si moltiplica per mille. E se una donna viene abbattuta, il suo esempio si moltiplica per mille. In Africa non si parla alle donne dei problemi del mondo, si pretende da loro che risolvano quelli della sopravvivenza, invece hanno bisogno di avere informazioni sulla politica economia, sull’assenza di sovranità alimentare e il suo legame con la malnutrizione, hanno bisogno di capire il rapporto che c’è fra la comparsa del cibo spazzatura o degli alimenti geneticamente modificati e certe malattie che stanno diventando croniche.

La nostra associazione, come il Centro Hampaté Ba, le aiuta a essere consapevoli del posto che occupano nel mondo. Dal Medioriente e dall’America latina arriva la lezione della storia:non c’è niente di più forte del potere del popolo.

Nel suo libro racconta la sua esperienza di migrante, respinta insieme a molti altri africani alla frontiera sud dell’Europa. Cosa le ha insegnato quel viaggio?

Ho fatto parte di quei giovani che guardano all’Europa come un modello da seguire. Una falsa speranza che si è infranta sul filo spinato della Fortezza Europa. Quando sono tornata in Mali, ho conosciuto Aminata Traoré e ho capito dov’era l’abbaglio: ero un ingranaggio utile al sistema, l’ultimo anello di una catena che solo io potevo spezzare. E mi sono data da fare.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: